Lotus, la foglia che ricarica le auto elettriche

Eco arredo: un albero fotovoltaico per arredare la città e ricaricare le macchine elettriche

Lotus è un sistema di pannelli fotovoltaici, dal design innovativo, ideato dallo studio dell’architetto italiano Giancarlo Zema per l’azienda LumineXence.

Si tratta di un valido sistema modulare di eco-arredo, in grado di immagazzinare energia solare per ricaricare le auto elettriche e non solo.

Il design è assolutamente all’avangurdia, infatti la forma richiama quella propria di una foglia, che nasce dal terreno, e che immagazzina e rilascia energia naturale.

La foglia, oltre ad essere importante per l’immagazzinamento dell’energia solare, dati i suoi 4 mq di superficie, è anche un valido rifugio per la pioggia.

Al momento sono state progettate diverse soluzioni: con la foglia grande (di 19 mq), la produzione di energia può salire sino a 2.8 KW.

Il progetto è stato presentato nell’ambito della Sustainibility Conference, realizzata sui temi della sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Giancarlo Zema ha ammesso di aver appreso dal grande Steve Jobs l’importanza del design negli oggetti tecnologici. Infatti ha dichiarato:

Abbiamo contattato le migliori aziende presenti sul mercato e le abbiamo fatte interagire. Sono tutte italiane. Solarday produce pannelli fotovoltaici ad altissima resa, Siderpali ha una tecnologia innovativa per piegare e rastremare i pali, Eurozeta si è occupata della parte meccanica, Nord Zinc ha realizzato zincatura e verniciature con vernici ecologiche a bassissime emissioni, e Scame Parre ha prodotto le prese. Noi abbiamo messo il design e LumineXence si è occupata di cablaggio e distribuzione”.

Al momento il prezzo per avere una Lotus è di 15 mila euro, anche se in un futuro prossimo sono previsti incentivi per acquistare il prodotto ad un prezzo scontato.

Ad ogni foglia possono collegarsi contemporaneamente due auto e i tempi di ricarica dipendono da queste (in genere basta un’ora e mezzo per una ricarica rapida e ce ne vogliono sei per un pieno da 150 km).

Un progetto assolutamente green che ci fionda direttamente nella prospettiva di un mondo migliore, dove l’energia rinnovabile sostituirà sosterrà la salvaguardia dell’ambiente.

Allora, cosa ne pensate di questo progetto?

Pin It

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>