Baita di montagna: dove si ferma il tempo

Una baita priva di energia elettrica e telefono sul Massiccio Centrale della Francia

E’ questa una baita realizzata dal ripristino di una capanna rustica, un tempo utilizzata dai pastori per produrre il formaggio.

La Baita è situata nel Cantal, sul Massiccio Centrale, in Francia.

A dar vita a questa baita, che ancora oggi (volutamente) è priva di elettricità e telefono, è stato il restauratore austriaco Frederick Pfeffer, che, con l’aiuto di artigiani locali, ha ripristinato la struttura realizzando un’accogliente baita di montagna con il solo utilizzo di materiali naturali.

L’atmosfera che si respira all’interno è molto romantica e “antiquata“.

Sembra di ritornare indietro nel tempo, sia per l’assenza di energia elettrica che per il vecchio metodo di riscaldamento (una stufa a legna), ma ancor più per la semplicità che è stata posta nell’arredo, molto austero e frugale.

L’unica fonte d’illuminazione nel cuore della notte sono le candele, anche se il proprietario dice che ben volentieri preferisce la luce delle stelle e della luna, che da lassù fa veramente sognare.

Come accennato,  Frederick Pfeffer ha chiesto aiuto all’artigianato locale per realizzare la sua graziosissima baita.

Così le panche, i tavoli, i divani e ogni elemento d’arredo sono stati ideati dagli artigiani del luogo, felicissimi di collaborare al progetto.

Il design è molto semplice e l’abitazione di disloca in questo modo: al piano terra troviamo la cucina, salottino e bagno, mentre al piano superiore vi è la camera da letto.

Un’altra particolarità? L’acqua proviene da una vicina sorgente.

Ed ora ditemi se anche solo per un secondo non vi è sfiorata l’idea di lasciar tutto ed andarvene in un posto così!

Dire che è incantevole è dir poco. Già dalle foto si riesce ad assaporare quel dolce gusto che solo un travolgente contatto (come questo) con la natura può regalare al nostro corpo e alla nostra mente.

Fascino, silenzi, quiete, natura ed … il sogno continua.

Pin It
Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...