Lisciare i capelli

Lisciare i capelli come dal parrucchiere. Consigli utili e suggerimenti.
La moda del momento vuole un liscio effetto seta per i nostri capelli, e per ottenerlo non è assolutamente impresa facile. Tuttavia con i giusti accorgimenti si riesce ad avere un risultato sorprendente.

capelli lisci

Come ottenere un liscio effetto seta:

1) Per prima cosa, scegli lo shampoo adatto: specifico effetto ‘liscio perfetto’. Significa che contiene agenti liscianti, come per esempio il silicone. Il passo successivo, non meno importante, è il risciacquo: se l’acqua è particolarmente dura, si può usare anche quella minerale. Il calcare, infatti, depositandosi sui capelli, li rende molto opachi. L’idea in più: una volta asportato il detergente, concludi il risciacquo con una passata di acqua fredda. Compatta le cuticole che rivestono i fusti, il che consente una riflessione della luce riflettono la luce assolutamente omogenea.

2) Per l’asciugatura, usa un phon ionizzatore: riduce al minimo l’elettricità statica che si crea tra i capelli qualdo li scaldi. Insieme al getto di aria calda, infatti, questo phon emette particelle, gli ioni appunto, che scompongono l’acqua depositata sui fusti in tante microscopiche goccioline. Queste in parte evaporano e in parte vengono assorbite dai capelli. Il risultato è che l’asciugatura è più rapida, i capelli si reidratano e, soprattutto, si elimina l’effetto testa elettrica.

3) Per lo styling, preferisci creme e fissatori delicati e mirbidi, che nutrono e incrementano la luminosità della chioma.

Se hai i capelli lisci di natura, quando li asciughi non stressarli con l’aria calda del phon: li secca e li rende indisciplinati. Usa il diffusore, che distribuisce meglio il calore e abbassa la temperatura del getto d’aria.

capelli lisci

4) Le piastre più nuove sono fatte di materiali speciali, per esempio la ceramica, che impediscono al calore di rovinare i capelli. La temperatura ideale per capelli di media lunghezza o sottili è 140 gradi, ma si può arrivare a 200 per capelli spessi e molto crespi. Prima di cominciare la ‘lisciatura’ vera e propria, comunque, tampona le ciocche con del fluido protettivo o della mousse lisciante. Per dividere la capigliatura a ciocche e poterla trattare con la piastra, puoi usare indifferentemente il pettine a coda o le dita. Passa la piastra su tutta la lunghezza per almeno tre volte.

5) Una valida alternativa alla piastra è la spazzola naturale dal diametro largo. Le migliori sono quelle di cinghiale, che chiudono le squame dei fusti, lisciandoli. No, invece, alle spazzole in ferro, che rischiano di spezzare i capelli. Nel caso della lisciatura con la spazzola, il brushing va eseguito con i capelli umidi. Dopo averli parzialmente asciugati, si dividono i capelli in ciocche e si phonano, ‘tirandoli’, al contempo, con la spazzola. Per evitare di elettrizzare le punte, indirizza il getto d’aria dall’alto verso il basso.

Fonte: www.leiweb.it

Pin It
Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...