Yogurtiera: scegliere la migliore


Come scegliere la migliore yogurtiera? Consigli utili per acquistare la yogurtiera secondo quelle che sono le proprie esigenze; modelli con vasetti, caraffa e contenitore. Preparare lo yogurt in casa non è mai stato così facile e divertente. 

yogurt-fatto-in-casa

Sempre più persone scelgono di mangiare sano e soprattutto prodotti preparati in casa.

Così, da qualche tempo, la yogurtiera è diventata uno degli elettrodomestici più richiesti.

Avere una yogurtiera in casa è una scelta che apporta non solo benefici salutari ma anche economici, se si pensa che con poco più di 1 euro si riesce a preparare circa 1 kg di yogurt.

La yogurtiera ha la funzione di mantenere il latte ad una temperatura costante, di circa 40 °C, consentendo la fermentazione dei batteri che trasformano la bevanda in yogurt.



Come funziona la yogurtiera?

yogurtiera

L’utilizzo della yogurtiera è molto semplice, spesso basta seguire le indicazioni riportate nel manuale di istruzioni per avere un ottimo risultato.

In ogni caso, per chi non avesse mai utilizzato questo elettrodomestico, anticipiamo che l’ingrediente principale per la preparazione dello yogurt è sicuramente il latte.

Per produrre uno yogurt in casa si può utilizzare qualsiasi tipo di latte, dall’intero allo scremato o UHT (a lunga conservazione).

Secondo ingrediente indispensabile è lo yogurt fresco, meglio se si sceglie lo yogurt greco. Le quantità variano da ricetta a ricetta, ma generalmente si utilizza 1 cucchiaino per 1 litro di latte.

In alternativa si possono utilizzare anche i fermenti, da acquistare in farmacia.

Quale Yogurtiera scegliere?

Diversi i modelli presenti in commercio, che consentono di ottenere un ottimo risultato.

In linea di massima possiamo suddividere le yogurtiere in due gruppi, con caraffa contenitore o con vasetti.

Vediamo nello specifico cosa significa.

Yogurtiera a caraffa (contenitore)

yogurtiera-caraffa

E’ l’ideale per chi intende produrre grandi quantità di yogurt e per le famiglie numerose.

La yogurtiera a caraffa è munita di due cestelli, nel più piccolo vanno versati gli ingredienti e il più grande serve a creare una camera di aria calda intorno al primo utile alla fermentazione dei batteri.

Questo modello di yogurtiera ha il vantaggio di occupare meno spazio in cucina rispetto a quella con i vasetti.

Tuttavia, ha lo svantaggio di non consentire la preparazione di più gusti per volta.

Yogurtiera con vasetti

yogurtiera-vasetti

E’ comoda da utilizzare, in quanto permette di porzionare lo yogurt già in fase “start” ed utilizzarlo all’occorrenza, senza bisogno di munirsi, nelle fasi successive, di contenitori appositi.

Ha il vantaggio di poter preparare più gusti alla volta, ma risulta anche più ingombrante in cucina, essendo dotata di un vassoio che accoglie i vasetti.

Consigli sull’acquisto di una yogurtiera

Nella scelta di una yogurtiera entrano in gioco diversi fattori.

Partendo dal presupposto che ogni yogurtiera si differenzia dalle altre per le proprie caratteristiche tecniche, il prezzo finale dipende essenzialmente da questi tre elementi:

  • capienza;
  • qualità dei materiali impiegati;
  • funzioni.

Tuttavia, prima di acquistare il prodotto, il nostro consiglio è di verificare la stabilità dell’elettrodomestico.

E’ importante scegliere un modello dotato di appoggi in gomma che facilitano l’aderenza della yogurtiera alla superficie d’appoggio, scongiurando il rischio accidentale di scivolamento e riversamento del contenuto.

Altra considerazione da fare riguarda la possibilità di acquistare un modello digitale con programmazione integrata, capace di definire tempi e tipi di preparazione.

Gli ultimi modelli di yogurtiere prevedono la possibilità di preparare anche gelati e formaggi.

Inoltre, va considerato il tempo, alcuni modelli prevedono una fermentazione di 8 ore, altri di 12, i più all’avanguardia sono capaci di fermentare i batteri in soli 5 o 6 ore.

In effetti, non può dirsi esista un modello di yogurtiera da preferire rispetto ad un altro, la scelta dipende essenzialmente dalle proprie esigenze personali.

Quanto consuma una yogurtiera?

La yogurtiera è un elettrodomestico che svolge la funzione di mantenere per diverse ore una determinata temperatura (circa 40 °C), per cui ha un consumo bassissimo, circa 15 W.

Per i modelli più all’avanguardia, che consentono la preparazione anche di formaggi e gelati, il voltaggio è leggermente più alto, di solito intorno ai 50 W.

Come preparare lo yogurt con la yogurtiera?

yogurt-casa

Questa ricetta viene utilizzata per la preparazione dello yogurt bianco.

Prendere il latte e scaldarlo per 15 min, portarlo a temperatura di 90° (non deve mai bollire); è opportuno non staccare i grumi che si creano sul fondo.

Lasciare raffreddare fino a quando non raggiunge la temperatura di 30° – 40° (potete aiutarvi immergendo il pentolino in acqua fredda).

Aggiungere lo yogurt o i fermenti al latte e mescolare bene, evitando di inserire i grumi.

Aggiungere il composto nei vasetti e non chiudere con il loro tappo, ma apporre il coperchio in dotazione all’elettrodomestico.

Programmare la yogurtiera, a seconda delle istruzioni presenti nella confezione, ed attendere il tempo opportuno (solitamente occorrono dalle 5 alle 8 ore) alla formazione dello yogurt.

Lasciare raffreddare prima di riporre i vasetti in frigo.

Consumare lo yogurt attendendo almeno 6 ore. Alcuni manuali consigliano un attesa di 24 ore, in effetti è bene attenersi ai consigli dell’azienda produttrice.

Ricetta yogurt alla frutta o altri gusti

yogurt-more

Per realizzare lo yogurt alla frutta basta aggiungere, nei vasetti ancora caldi, i pezzetti di frutta desiderati. E’ consigliabile consumare lo yogurt alla frutta entro pochi giorni, in quanto è un prodotto certamente più sensibile a degradazione.

Se preferite uno yogurt dolce è possibile aggiungere lo zucchero del tipo che si preferisce al composto madre, meglio ancora se si aggiunge la stevia, del tutto naturale e a zero calorie.

Se amate variare, potete scegliere di preparare uno yogurt al caffè o alla nocciola, o ancora, al cioccolato. In questo caso è opportuno aumentare la dose dei fermenti lattici impiegati e aggiungere l’ingrediente extra prima d’inserire i vasetti nella yogurtiera.

Consigli yogurt fatto in casa

Una volta avviato il processo dello yogurt fatto in casa, il nostro consiglio è quello di lasciarne sempre un pò per preparare i prossimi.

Ricordiamo che più il latte è fresco più sarà ricco di fermenti; lo stesso vale per lo yogurt “starter”.

Per la densità dello yogurt ricordate che più il latte è caldo (da non superare mai i 46 gradi) e più lo yogurt verrà denso.

E’ importante sapere che nella produzione dello yogurt in casa, più lo yogurt utilizzato per il composto madre è lontano dalla scadenza, più ha i fermenti lattici attivi.

Ricetta Yogurt per intolleranza al lattosio

Per chi ha problemi d’intolleranza al lattosio consigliamo per la preparazione dello yogurt solo latte privo di lattosio (presente in commercio, in qualsiasi supermercato).

Yoguertiera: Prezzi ed Offerte

Ai nostri lettori segnaliamo le imperdibili offerte del giorno per acquistare la propria yogurtiera.

 

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta