Ecobonus 2017: ristrutturazioni e risparmio energetico


Ecobonus e bonus ristrutturazioni 2017, tutte le novità introdotte dalla nuova Legge di Bilancio, agevolazioni per il risparmio energetico degli edifici. 

ecobonus

La nuova Legge di Bilancio ha introdotto alcune novità con riguardo all’Ecobonus e bonus ristrutturazioni 2017, una serie di detrazioni previste in seguito ad interventi diretti a migliorare l’efficienza energetica degli immobili.

Ecobonus 2017 cos’è?

L’Ecobonus 2017 consiste nella detrazione Irpef del 65% delle spese sostenute per ottimizzare le prestazioni energetiche di un edificio.

La detrazione viene suddivisa in 10 quote annuali di identico importo. Sono previsti i seguenti limiti massimi:

  • Un importo di 30.000 euro per quanto concerne gli interventi destinati alla sostituzione degli impianti di climatizzazione per l’inverno.
  • Un ammontare di 60.000 euro con riguardo alle opere dirette alla riqualificazione della parte esterna degli immobili esistenti e per l’installazione di pannelli solari con cui produrre acqua calda.
  • Un ammontare di 100.000 euro con riferimento a tutta quella serie di interventi diretti alla riqualificazione energetica.

Ecobonus ristrutturazioni risparmio energetico 2017

A partire dal prossimo anno, se gli interventi riguarderanno la parte esterna dell’immobile, sarà possibile beneficiare di detrazioni con importi più elevati, come indicato di seguito:

  • agevolazione del 70% delle spese, se i lavori prevedono un’incidenza maggiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’intero immobile.
  • agevolazione  al 75% dei costi, se gli interventi saranno destinati a ottimizzare la prestazione energetica globale, sia invernale che estiva.

Bonus energetico 2017 requisiti e documenti

Per poter beneficiare dell’Ecobonus 2017 occorre produrre una documentazione completa degli interventi sostenuti.

I documenti, da farsi rilasciare e successivamente presentare, sono i seguenti:

  • fattura di tutte le spese sostenute;
  • bonifici pagati, con indicazione della causale del versamento e riportanti il numero e la data della fattura, i dati personali del richiedente il beneficio ed il codice fiscale del destinatario.

È possibile che venga richiesta ulteriore documentazione per lavori più di ampia portata, come ad esempio l’isolamento dell’immobile.

Bonus ristrutturazioni 2017 novità

In questo caso è necessario trasmettere all’Enea, ovvero l’Agenzia nazionale per l’efficienza energetica, i seguenti documenti:

  • Attestato di prestazione energetica (APE): documento preparato da un tecnico abilitato ed esterno alla ditta che si occupa dei lavori.
  • Scheda sintetica: serve a quantificare in concreto il risparmio energetico successivo all’intervento.
  • Atto di Asseverazione: certificazione richiesta per le finestre, gli infissi e le caldaie.

pannelli-solari

Continua: Bonus risparmio energetico 2017





Lascia una risposta